Il TAR e il Consiglio di Stato in disaccordo sulla querelle dell’utilizzo dell’algoritmo nel meccanismo decisionale

di Sarah Shirley Di Veroli -
Gli algoritmi sono diventati strumenti idonei ad incidere notevolmente sui processi decisionali della Pubblica Amministrazione, potendo arrivare a sostituirsi in toto ad essi. Benché si risponda ad un’esigenza di efficacia e di buon andamento, la trasformazione del tradizionale modo di esercizio delle funzioni e dei servizi pubblici che ne deriva non sempre è accompagnata da adeguate garanzie per il cittadino, presentando diverse zone d’ombra. A tal proposito, il TAR Lazio, III sez. bis, con sentenza n°6606/2019 ha affrontato nuovamente la tematica, nella cornice della querelle sulla mobilità dei docenti. Chiara è la posizione del TAR, che esclude tout court la possibilità che un p...