Riders e copertura assicurativa in caso di infortunio sul lavoro, Inail, nota 23 gennaio 2020, n. 866

di Rocchina Staiano -

Con Nota n. 866 del 2020, l’Inail ha fornito le prime informazioni riguardante la copertura assicurativa dei lavoratori autonomi che svolgono attività di consegna di beni per conto altrui, in ambito urbano e con l’ausilio di velocipedi o veicoli a motore, attraverso piattaforme anche digitali (c.d. riders), disciplinati dagli artt. 47bis e seguenti del d.lgs. 15 giugno 2015, n. 81, inserito dall’art. 1, comma 1, lettera c), del d.l. 101/2019, convertito, con modificazioni ed integrazioni, in l. 128/2019.
Nello specifico, la nota precisa che, dal 1° febbraio 2020, il committente, ossia l’impresa di delivery (consegna) che utilizza la piattaforma anche digitale, è tenuto agli specifici adempimenti posti a carico del datore di lavoro, ai sensi del d.p.r. 1124/1965, c.d. testo unico sull’infortunio sul lavoro e sulla malattia professionale. Tenendo conto della Nota Inail, il predetto soggetto, ove non già titolare di codice ditta e di specifica posizione assicurativa territoriale Inail, deve trasmettere all’Istituto, mediante modalità telematiche, contestualmente alla data d’inizio delle attività (1° febbraio 2020) o prima di tale data, la denuncia di iscrizione, fornendo le informazioni utili alla valutazione del rischio e al calcolo del premio assicurativo, per tutte le attività svolte, tra le quali l’attività di consegna dei beni per conto altrui.
Qualora, invece, l’impresa di delivery sia già titolare di codice ditta e di posizione assicurativa territoriale, la stessa è tenuta a presentare la denuncia di variazione delle attività, comunicando le successive modificazioni di estensione e di natura del rischio rispetto a quello già coperto dall’assicurazione, entro 30 giorni dalla data di decorrenza dell’obbligo assicurativo, con riferimento all’attività di consegna di beni per conto altrui avvalendosi di lavoratori autonomi precedentemente non denunciati.
A norma del d.m. 27 febbraio 2019, l’attività esercitata dai lavoratori autonomi che svolgono attività di consegna di beni per conto altrui, in ambito urbano e con l’ausilio di velocipedi o veicoli a motore, attraverso piattaforme anche digitali, è classificata alla voce 0721 delle Nuove Tariffe dei premi Inail, che esplicitamente prevedono, in detta voce, il Servizio di consegna merci in ambito urbano svolto con l’ausilio di veicoli a due ruote o assimilabili effettuato a sé stante, nel cui ambito rientra anche la consegna senza mezzi di trasporto.