Privacy. Legittimità del cumulo di sanzioni nell’ipotesi di concorso di violazioni [Corte di Cassazione 3.9.2020, n. 18288]

di Giuseppe Cassano -

In tema di illeciti amministrativi di cui al Dlgs n. 196 del 2003, la fattispecie prevista dall’art. 164-bis, comma 2, costituisce non un’ipotesi aggravata rispetto alle violazioni semplici ivi richiamate, ma una figura di illecito del tutto autonoma, atteso che essa prevede la possibilità che vengano infrante dal contravventore, anche con più azioni e in tempi diversi, una pluralità di ipotesi semplici, unitariamente considerate dalla norma con riferimento a “banche di dati di particolare rilevanza o dimensioni”, sicché, in caso di concorso di violazioni di altre disposizioni unitamente a quella in esame, ne deriva un’ipotesi di cumulo materiale delle sanzioni amministrative

***
[articolo 162, comma 2-bis – cessione non autorizzata di dati, la registrazione, utilizzo e cessione di dati personali, tratti da liste elettorali, per attività di marketing]
[articolo 164 – non aver fornito tempestivo riscontro alla richiesta di informazioni del Garante]
[164-bis, comma 2 –banche di dati di particolare rilevanza e dimensioni]