Inesistente la notifica PEC nel processo tributario se effettuata prima del 1 dicembre 2015 [Cass. Civ., Sez. VI, 7 maggio 2019, n. 12038]

di Maurizio Reale -
La Corte di Cassazione, con la decisione n. 12038 del giorno 7 maggio 2019 in tema di contenzioso tributario, dispone che la notifica effettuata a mezzo PEC dal difensore del contribuente, è inesistente e insuscettibile di sanatoria e, in quanto tale, non idonea a far decorrere il termine breve per l'impugnazione, atteso che, ai sensi del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 16 bis, comma 3, che richiama il D.M. 23 dicembre 2013, n. 163, le notifiche tramite PEC degli atti del processo tributario venivano previste, in via sperimentale, solo a decorrere dal 1 dicembre 2015 ed esclusivamente dinanzi alle commissioni tributarie della Toscana e dell'Umbria, come precisato dal D.M. 4 agosto 2015, ar...