In consultazione le Linee Guida per l’armonizzazione delle qualificazioni professionali, delle professioni e dei profili in ambito ICT

di  Alfonso Contaldo -

Sono state messe in consultazione le Linee Guida per l’armonizzazione delle qualificazioni professionali, delle professioni e dei profili in ambito ICT, dopo la traduzione ufficiale del Modello europeo DIGCOMP 2.1. Prosegue il percorso di AGID per identificare i modelli di riferimento e valorizzare le competenze digitali tra i cittadini (competenze di base), per chi lavora nel campo ICT (professionali) e per chi occupa posizioni dirigenziali (di e- leadership). La bozza in consultazione  delle Linee guida  nasce  dal lavoro congiunto con ISTAT e ALFA Liguria (Agenzia Regionale per il lavoro la formazione e accreditamento) e sono  in consultazione dal 7 giugno al 6 luglio 2018. Il documento ha lo scopo di aiutare le Regioni, gli enti titolati e le amministrazioni pubbliche a comprendere la necessità di armonizzare la valorizzazione delle competenze, allineandosi ove possibile ai profili ICT nazionali recepiti nelle linee guida AGID. L’obiettivo è quello di pervenire a professionalità comuni per servizi sia critici che non critici, che definisca il modello di gestione dei servizi e contestualizzazione rispetto al cluster dei compiti affidati. La formazione  ha un’importanza fondamentale in quanto è  fondamentale per garantire disponibilità, integrità e riservatezza delle informazioni proprie del Sistema informativo della Pubblica amministrazione.

Nelle prossime settimane verrà avviata la consultazione pubblica anche delle “Linee guida per le professioni ICT” che aggiornano la versione del 2017 con importanti novità tra cui i nuovi profili dedicati alle professionalità ICT nel settore dell’informazione geografica e una mappatura delle terminologie utilizzate per i profili, e delle “Linee guida per l’e-leadership”, al fine di rendere completo il quadro di riferimento nazionale, dando così alla pubblica amministrazione la possibilità di intervenire sugli adeguamenti professionali, frutto della formazione pensata per  il settore, con norme tecniche adeguate e coordinate con uno strumento di soft law.