Facebook, militari, e reato di vilipendio [Cassazione 13 agosto 2019 n. 35988]

di Redazione -
Il militare che nel commentare una notizia scrive su Facebook «Stato di m..a» commette il reato di vilipendio nella più grave formulazione – rispetto al codice penale comune – dell’articolo 81 del Codice penale militare di pace. Infatti, per i militari sono previsti da due a sette anni di carcerazione militare mentre per i cittadini comuni la multa da 1.000 a 5.000 euro. La Corte di Cassazione ha depositato la sentenza n. 35988 che conferma la condanna di un tenente di vascello a un anno e quattro mesi di reclusione per aver postato la frase incriminata in relazione alla notizia di una grande commessa commerciale dall’India per la realizzazione di sette fregate da parte di una delle più g...