CCNL Parafarmacie del 2019, telelavoro, e sistemi informatici

di Rocchina Staiano -

Il 27 febbraio 2019 tra Italia Impresa – Associazione Italiana del Lavoro, Unfi – Unione Nazionale Federazioni Imprese e Isa – Intesa Sindacato Autonomo è stato firmato il CCNL per i dipendenti delle parafarmacie e delle farmacie di servizi. Nel ccnl è stato regolamentato anche il telelavoro, ossia l’attività lavorativa svolta dal dipendente senza la sua presenza fisica all’interno dei locali aziendali in quanto consiste in una forma di organizzazione a distanza resa possibile dall’utilizzo di sistemi informatici e dall’esistenza di una rete di comunicazione fra il luogo in cui il telelavoratore opera e la sua azienda.
ll telelavoro può essere concesso dall’azienda o richiesto dal lavoratore per tutte quelle mansioni che non richiedano o il contatto con il pubblico/clientela o attività di controllo sul lavoro di altri dipendenti o l’accesso a materiali e/o informazioni che per natura o per logistica non possono essere posti fuori dall’azienda stessa.
ll telelavoro può essere di tre tipi:
• domiciliare: svolto nell’abitazione del telelavoratore;
• mobile: attraverso l’utilizzo di apparecchiature portatili;
• a distanza: svolto presso uffici attrezzati ubicati in appositi spazi di co-working che non coincidono né con l’abitazione del telelavoratore né con gli uffici aziendali.
Il datore di lavoro può instaurare strumenti di controllo nel rispetto delle vigenti normative nazionali e comunitarie relativa ai videoterminali e fermo restando il divieto dell’utilizzo di dispositivi ovvero del controllo quantitativo o qualitativo tramite software, all’insaputa del telelavoratore. In ogni caso, il datore di lavoro è tenuto a farsi carico dei costi derivanti dalla perdita e dal danneggiamento degli strumenti di lavoro nonché dei dati utilizzati dal telelavoratore.
Il datore di lavoro è tenuto ad adottare tutte le misure opportune per prevenire l’isolamento del telelavoratore e per tutelarne la salute, la sicurezza professionale e la riservatezza, ai sensi della vigente normativa nazionale e comunitaria.
L’azienda dovrà farsi rilasciare dal lavoratore, prima dell’inizio della prestazione con modalità di telelavoro, una dichiarazione in cui lo stesso comunica di essere a conoscenza delle prescrizioni di sicurezza e igiene connesse con lo svolgimento del lavoro e con gli strumenti che dovrà utilizzare.
Le eventuali dotazioni strumentali necessarie allo svolgimento del lavoro dovranno essere fornite dall’azienda e resteranno di proprietà aziendale. Gli oneri derivanti dall’uso delle stesse, come ad esempio i consumi telefonici e/o elettrici, saranno oggetto di specifici accordi scritti da raggiungersi al momento della concessione del telelavoro.